ER6ITALIA


     

Vai indietro   ER6ITALIA > OFF-TOPICS > IL BAR

IL BAR Discussioni generiche su tutto quello che vi pare !
Utilizza i sub-forums sotto elencati per discussioni specifiche.



Visualizza i risultati del sondaggio: Sei favorevole al ritorno del nucleare?
Si 52 32.91%
No 100 63.29%
Non ho ancora deciso 6 3.80%
Chi ha votato: 158. Non puoi votare questo sondaggio

Rispondi
 
Visualizza la versione stampabile Invia questa pagina tramite email Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 19/04/12, 20:01   #451
Supermack3
Registrato
 
Registrato dal: Sep 2007
Ubicazione: Timbuctu
Età : 34
Moto: xXx
Sesso: Maschio
Messaggi: 864
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

Personalmente mi farebbero più paura le 2 centrali in costruzione in Slovacchia, le 2 in Bulgaria e le 2 in Ucraina che 6 ipotetiche centrali costruite in Italia...

Comunque noi Italiani le centrali non le vogliamo sul nostro suolo, però compriamo energia prodotta col nucleare e siamo disposti a strapagarla, non diciamo nulla delle centrali che stanno a pochi passi dal nostro confine, non diciamo nulla delle nuove centrali che gli altri paesi stranno costruendo e, infine, abbiamo un'azienda come Ansaldo Nucleare che costruisce centrali, ovviamente all'estero.
Siamo veramente dei
Supermack3 non  è collegato   Rispondi quotando
Sponsored Links
Vecchio 19/04/12, 23:00   #452
MannX
Visitatore
 
Messaggi: n/a
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

Non diciamo nulla perche' non abbiamo potere e "diritto" verso gli altri paesi, semplice......

Io non credo di essere un pollo a non volere una centrale nucleare a casa mia, visto anche il fatto che vivo in una delle zone piu' tranquille a livello sismico (o da altri disastri naturali) in Italia.

Facile essere fineüc con il degli altri.....

Soprattutto tenendo conto che io le centrali non le vorrei manco negli altri paesi e perche' son convinto che si potrebbe produrre molta piu' energia inquinando meno nel nostro territorio....


p.s. e non e' che se c'e' un aumento di nuove centrali allora e' piu' sicura la fonte nucleare.

p.p.s. e sapete vero quanto costa una centrale? Sapete quanto tempo ci vuole a costruirla? Sapete dopo quanti anni si ammortizza l'investimento?
Sapete quante ce ne vogliono per produrre un quantitativo interessante di energia?

Ultima modifica di MannX; 19/04/12 a 23:04
  Rispondi quotando
Vecchio 20/04/12, 08:14   #453
Supermack3
Registrato
 
Registrato dal: Sep 2007
Ubicazione: Timbuctu
Età : 34
Moto: xXx
Sesso: Maschio
Messaggi: 864
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

sì sì, Mannx, hai ragione sul fatto che non abbiamo potere diretto sugli altri... il problema è che abbiamo potere diretto su noi stessi e non lo abbiamo saputo sfruttare

come dici tu una centrale dalla progettazione alla produzione diventa già vecchia (pure prima in realtà!) e che costruirne ora significherebbe goderne fra decenni... sarebbe quindi più opportuno e conveniente portarsi avanti con l'energia alternativa, che è il futuro... essere avanti sul futuro è una buona mossa, portarsi avanti il passato forse no.

comunque, per non sbagliare, non facciamo niente... viviamo in un pollaio e ci va bene così!

Quote:
Originariamente inviata da MannX Visualizza il messaggio
Facile essere fineüc con il degli altri.....
vero, facile comprare l'energia dalla centrale Francese tanto non ce l'abbiamo mica noi sotto il qlo... al massimo ci arriva una ventata calda, che bene non ci farà sicuro, ma almeno abbiamo la coscienza pulita sul fatto che un eventuale disastro non sarebbe colpa nostra
Supermack3 non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 20/04/12, 13:08   #454
MannX
Visitatore
 
Messaggi: n/a
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

Non e' questione di coscienza, io ho votato e deciso che non voglio il nucleare a casa mia e cosi' piu' del 50% degli italiani........semplice

Il fatto che non si investa su fonti energetiche alternative in molti casi e' puramente un problema burocratico o di inefficienza statale (ed in questo periodo credo che quasi tutti gli italiani se ne siano accorti e si siano tolti le fette di prosciutto dagli occhi).

Investire le stesse risorse monetarie di una centrale nucleare in ricerche e studi su nuove tecnologie o miglioramento di quelle gia' esistenti darebbe lavoro e ci renderebbe all'avanguardia oltre che sempre piu' indipendenti a livello energetico.

Il fatto che non vengano fatti certi investimenti, purtroppo, non e' colpa mia.........in questo paese democratico io non conto nulla , almeno nel referendum del 12 giugno ho potuto dire la mia.

Noi compriamo energia da altri paesi ma non possiamo scegliere da che fonte........non tutta quella acquistata e' nucleare, i "cavi" non sono diversi.....
Io spero che anche gli altri paesi smettano con il nucleare, mica godo nel comprare la loro energia (sia nucleare che non)

Con la mia frase "Facile essere fineüc con il degli altri " era riferito al fatto che nessuno (e credo neanche te) voglia una centrale vicino a casa propria......o sbaglio ?
  Rispondi quotando
Vecchio 20/04/12, 14:10   #455
Supermack3
Registrato
 
Registrato dal: Sep 2007
Ubicazione: Timbuctu
Età : 34
Moto: xXx
Sesso: Maschio
Messaggi: 864
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

Quote:
Originariamente inviata da MannX Visualizza il messaggio
Non e' questione di coscienza, io ho votato e deciso che non voglio il nucleare a casa mia e cosi' piu' del 50% degli italiani........semplice
beh ma è questione di punti di vista.
io preferirei avere la possibilità di produrre energia nucleare fra 20 anni piuttosto che continuare a comprarla oggi, domani e fra 20 anni; invece (e qui i punti di vista non c'entrano più) non si investe (o non si può?) nel rinnovabile, non si pensa (giustamente, dato il referendum*) al nucleare, l'idroelettrico non basta, ecc ecc.
* il 50% degli italiani la pensa così e va rispettato; ma di nucleare il 99% degli italiani (e il 99,99999999% di quel 50% la...) non ne sa un tubo, ha deciso a sentimento. il sentimento era falsato da fukushima di 2 settimane prima... sarebbe stato come chiedere a dei crocieristi il giorno dopo la tragedia del giglio se avessero più voglia di una crociera o di una passeggiata a cavallo.
il popolo è sovrano ma nessuno può dire che sia istruito, consapevole, interessato ecc... ognuno fa il proprio lavoro e per quanto uno colto e intelligente possa essere non può sapere tutto - ad es. un cardiochirurgo o un avvocato cosa ne potranno mai sapere di scissione dell'atomo? per il resto bisogna rispettare i punti di vista di tutti, il tuo e dell'altro 50% e oltre che non vuole il nuclere sperando che almeno il 5% di coloro si faccia qualche domanda, ogni tanto.

Quote:
Originariamente inviata da MannX Visualizza il messaggio
Con la mia frase "Facile essere fineüc con il degli altri " era riferito al fatto che nessuno (e credo neanche te) voglia una centrale vicino a casa propria......o sbaglio ?
e perchè, credi che una centrale nucleare sia il peggior male? fà un salto a Taranto e chiede se non preferirebbero una centrale al posto dell'ilva...
se va male una centrale ti ammazza, l'ilva ti ammazza a poco a poco ogni giorno. non sto chiedendo se preferisci un pugno nei denti o un calcio nel qlo, sia chiaro, sto dicendo che se siamo arrivati al fuoco è perchè qualcuno si è bruciato una mano...
Supermack3 non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 20/04/12, 15:44   #456
lelesamba
Registrato
 
L'avatar di lelesamba
 
Registrato dal: Jul 2010
Ubicazione: Milano
Età : 34
Moto: ER6-n Black&Gold
Auto: Bravo 1.6 MJ 120cv
Sesso: Maschio
Messaggi: 108
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

Quote:
nessuno (e credo neanche te) voglia una centrale vicino a casa propria......o sbaglio
Sinceramente, e ripeto, sinceramente, io alla costruzione di una centrale nucleare nella mia zona non avrei niente in contrario. Con le dovute distanze obbligatorie e i dovuti accorgimenti, obbligatori anch'essi [e qui non si sgarra], l'abitare affianco a una centrale vorrebbe dire abitare in una zona in cui saranno investiti parecchi soldi e si creerà parecchio lavoro.

E' appurato ad esempio che il rischio di leucemie causate dalla residenza nei pressi di una centrale nucleare è minore del rischio di leucemia nel caso di residenza in una grande città. Non riesco a ritrovare la fonte attendibile di questo studio, appena potrò posterò l'articolo..

E come ho detto qualche post sopra, quoto in pieno pa87ge.. L'italiano medio ne sa una sega bucata del nucleare, degli investimenti necessari, dei rischi e non rischi del caso. Io conosco il problema superficialmente, figuriamoci la massaia friulana [giusto per non fare discriminazioni territoriali] o il 18enne grillino.
Perchè, a quanto mi risulta, nessuno, e ripeto, NESSUNO di noi è stato chiamato a fare un referendum per appoggiare o meno il decreto SalvaItalia. O un referendum per far passare o meno il progetto della riforma del lavoro varato dal governo. Come mai? Perchè solamente lo 0.5 % della popolazione italiana ha le conoscenze materiali oggettive necessarie a valutare l'andamento dell'economia di un Paese e le misure da adottare [che siano condivisibili o meno poco importa al fine del discorso]. L'esperto può sempre provare a far capire all'inesperto il suo punto di vista e le motivazioni di tali o altre scelte, ma far cambiare idea a una persona è la cosa credo più difficile che esista sulla faccia della terra. Sopratutto se dietro quella persona c'è un intero mondo di disinformazione gratuita e casuale volta solamente a risvolti politici.

Anche il discorso "Non possiamo fare le centrali perchè siamo in Italia e qui c'è la mafia e le amicizie e le raccomandazioni e mia zia che ci fa la cresta" mi fa andare in bestia. Obestia, ma siamo davvero arrivati al punto che invece che crederci per davvero, invece che combattere per qualcosa che riteniamo indispensabile per il nostro futuro, ci arrendiamo davanti alla paura di infiltrazioni mafiose o raccomandazioni?!
Si decide che si fa il nucleare?! Bene! Questo deve essere a prescindere da eventuali questioni esterne. Una volta deciso si fanno i conti. Io non sono esperto di gare d'appalto, bandi pubblici e assegnazione di commissioni ma porca paletta.. questa è l'occasione per dire: facciamo qualcosa che funzioni, mettiamo in campo gente che sa fare e non parlare, triplichiamo i controlli e le pene in caso di qualcosa che vada storto.
Non si può realisticamente porsi davanti a qualsiasi cosa dicendo: "naaa non la facciamo, non vale la pena, tanto c'è la mafia.." porco diaz, è una castrazione assurda! Ci crediamo davvero nel futuro dell'Italia si o no? E allora impegniamoci e basta.
Perchè allora cosa mi trattiene ancora qui in Italia quando la Svizzera è a 2 passi con i suoi stipendi di lusso e la benzina a basso costo? Cosa mi trattiene se tutto i miei progetti futuri sono troncati dal "eee ma tanto c'è la mafia, meglio non fare niente.."?!
lelesamba non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 20/04/12, 18:51   #457
MannX
Visitatore
 
Messaggi: n/a
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

Quote:
Originariamente inviata da pa87ge Visualizza il messaggio
beh ma è questione di punti di vista.
Su questo non posso che darti ragione

Quote:
Originariamente inviata da pa87ge Visualizza il messaggio
* il 50% degli italiani la pensa così e va rispettato; ma di nucleare il 99% degli italiani (e il 99,99999999% di quel 50% la...) non ne sa un tubo, ha deciso a sentimento.
Pensa anche al restante % che non e' andato a votare allora.
Credo che chi e' andato a votare un minimo di coscienza l'ha avuta, di quelli che non sono andati a votare credo che la maggior parte non ha votato per ignoranza e pigrizia......

Cavolo, parliamo del futuro del nostro paese, un minimo di informazione sarebbe decorosa.

Io non sono uno scienziato e non credo di essere lo 0.00000001% di quelli che ha votato informandosi un poco.

Non serve uno studioso dell'atomo per poter dire la propria e secondo me dire che il 99.999999999% degli italiani non ne sa un tubo e' un poco offensivo o almeno, come gia' detto, non credo che noi tre siamo gli unici a far parte dello 0.000000001%

Quote:
Originariamente inviata da pa87ge Visualizza il messaggio
il sentimento era falsato da fukushima di 2 settimane prima...
E ci mancherebbe!!
Prima il disastro di Černobyl' e poi Fukushima........mica poco visto che stiamo ancora patendo il primo disastro.
Io sinceramente non voglio essere responsabile di un ipotetico e remotissimo ed improbabie disastro.


Quote:
Originariamente inviata da pa87ge Visualizza il messaggio
e perchè, credi che una centrale nucleare sia il peggior male? fà un salto a Taranto e chiede se non preferirebbero una centrale al posto dell'ilva...
Non sto dicendo che sia il peggior male, secondo me e' un male.......mi stai confrontando la cacca con la pupu'

Confrontiamola con il cioccolato, no ?


Quote:
Originariamente inviata da lelesamba Visualizza il messaggio
Sinceramente, e ripeto, sinceramente, io alla costruzione di una centrale nucleare nella mia zona non avrei niente in contrario. Con le dovute distanze obbligatorie e i dovuti accorgimenti, obbligatori anch'essi [e qui non si sgarra], l'abitare affianco a una centrale vorrebbe dire abitare in una zona in cui saranno investiti parecchi soldi e si creerà parecchio lavoro.
Ok, a voi non darebbe fastidio, ma le scorie? le diamo ancora ai torinesi?

Quote:
Originariamente inviata da lelesamba Visualizza il messaggio
E' appurato ad esempio che il rischio di leucemie causate dalla residenza nei pressi di una centrale nucleare è minore del rischio di leucemia nel caso di residenza in una grande città. Non riesco a ritrovare la fonte attendibile di questo studio, appena potrò posterò l'articolo..
Peccato che la lombardia (uno dei territori piu' indicati per la costruzione di centrali e' anche una delle regioni piu' densamente popolate.......quindi, oltre alle citta' ci aggiungiamo la centrale

Non dimentichiamo le recenti scosse, anche se lievi ma sempre scosse sono.....


Quote:
Originariamente inviata da lelesamba Visualizza il messaggio
a quanto mi risulta, nessuno, e ripeto, NESSUNO di noi è stato chiamato a fare un referendum per appoggiare o meno il decreto SalvaItalia. O un referendum per far passare o meno il progetto della riforma del lavoro varato dal governo. Come mai? Perchè solamente lo 0.5 % della popolazione italiana ha le conoscenze materiali oggettive necessarie a valutare l'andamento dell'economia di un Paese e le misure da adottare [che siano condivisibili o meno poco importa al fine del discorso]. L'esperto può sempre provare a far capire all'inesperto il suo punto di vista e le motivazioni di tali o altre scelte, ma far cambiare idea a una persona è la cosa credo più difficile che esista sulla faccia della terra. Sopratutto se dietro quella persona c'è un intero mondo di disinformazione gratuita e casuale volta solamente a risvolti politici.
I referendum in Italia, purtroppo, sono solo abrogativi........



Quote:
Originariamente inviata da lelesamba Visualizza il messaggio
Anche il discorso "Non possiamo fare le centrali perchè siamo in Italia e qui c'è la mafia e le amicizie e le raccomandazioni e mia zia che ci fa la cresta" mi fa andare in bestia. Obestia, ma siamo davvero arrivati al punto che invece che crederci per davvero, invece che combattere per qualcosa che riteniamo indispensabile per il nostro futuro, ci arrendiamo davanti alla paura di infiltrazioni mafiose o raccomandazioni?!
Non mi sono posto questo problema, ma vedendo come e' viscerale la corruzione nel nostro paese..........mi vien male solo a pensarci.
Anche se teoricamente sarebbero stati i francesi a farci costruire le centrali in cambio di uno smorzamento dei nostri debiti nei loro confronti....


Quote:
Originariamente inviata da lelesamba Visualizza il messaggio
Si decide che si fa il nucleare?! Bene! Questo deve essere a prescindere da eventuali questioni esterne.
Per fortuna si e' deciso di non farle e per altri 25 anni magari posso star tranquillo....
  Rispondi quotando
Vecchio 24/05/12, 17:00   #458
lelesamba
Registrato
 
L'avatar di lelesamba
 
Registrato dal: Jul 2010
Ubicazione: Milano
Età : 34
Moto: ER6-n Black&Gold
Auto: Bravo 1.6 MJ 120cv
Sesso: Maschio
Messaggi: 108
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

Per poter vedere il link devi essere Registrato

Questo articolo è a dimostrazione di come un evento, un disastro, sia stato strumentalizzato per influenzare l'opinione pubblica quando in realtà la realtà era un'altra. Dati e rapporti [non di beppegrillo.it o celentano.org, ma dell'UNSCEAR e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità] alla mano. Non vi sto a ricordare gli articoli di repubblica & Co. che urlavano al panico e alla contaminazione nucleare, a Tokyo città fantasma e altre mille beghe/balle che si rivelano poi solamente delle enormi e stratosferiche panzane. [e, guarda caso, non è MAI stata fatta una smentita]
lelesamba non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 15/07/13, 11:13   #459
cts
Registrato
 
Registrato dal: Nov 2007
Ubicazione: Puglia (pendolare)
Moto: Una piccola giapponese (per sempre)
Auto: Una grande tedesca (per sempre)
Sesso: Maschio
Messaggi: 4427
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

lelesamba, è ormai assodato che spesso si fa degli inutili allarmismi, si esagerano gli allarmi facendoli diventare catastofi e via di seguito. Ok, qui non eccepisco.

Tutto questo non toglie che IN ITALIA l'energia nucleare è un grossissimo rischio potenziale, proprio perché tra malapolitica, malaffare, lobby, omissioni e tangenti varie non è possibile gestire in tutta sicurezza questa fonte di energia. Credere il contrario - mentre non riusciamo a sistemare la spazzatura di Napoli o di Palermo, e non me ne vogliano gli amici campani e siciliani - è soltanto illudersi alla grande.
cts non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 19/07/13, 17:33   #460
lento1986
Registrato
 
L'avatar di lento1986
 
Registrato dal: Jun 2012
Ubicazione: Latina
Moto: er6n
Sesso: Maschio
Messaggi: 486
predefinito Re: Il ritorno al nucleare.

io credo che se potessi riutilizzare l'energia prodotta dai miei gas intestinali almeno la batteria della moto potrei ricaricarla!
lento1986 non  è collegato   Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato

Salto del forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 04:01.


Powered by vBulletin versione 3.8.5
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana Team: vBulletin-italia.it

ER6ITALIA.com
Tutto il materiale presente nel Sito (immagini, loghi, articoli, messaggi, etc) appartiene ai legittimi proprietari.
Tale materiale può essere utilizzato gratuitamente al di fuori del Sito purché venga citata la fonte (ER6ITALIA.com) da chi lo ha prelevato.